I bambini ci ascoltano sempre ed incondizionatamente? Certo che no..e forse a volte la colpa è anche nostra.
Il linguaggio che utilizziamo con loro in casa e nell’ambiente sportivo è molto importante per i fini dell’apprendimento.
Ecco allora 5 suggerimenti semplici e veloci su come dev’essere il nostro linguaggio quando abbiamo a che fare con un gruppo di bambini:

 

Diretto: è impensabile parlare a dei bambini con strani giri di parole, dare spiegazioni lunghissime sui per come e sui perché.
Il bambino ha bisogno che ciò che gli viene detto sia breve, sicuro e deciso

Positivo: Che bisogno c’è di riprendere il bambino sempre e solo sui suoi errori senza mai aiutarlo a trovare un nuovo modo di affrontare le situazioni?
Spesso da genitori ed educatori ci soffermiamo su ciò che non va, dimenticandoci di sottolineare invece gli aspetti positivi!

Accessibile: Ironia e modi di dire non sono un linguaggio di facile comprensione per il bambino ed il più delle volte non vengono nemmeno colti nel loro significato. Occorre abituarsi a parlare in maniera più semplice e chiara se vogliamo che il nostro messaggio arrivi a destinazione.

Coinvolgente: Possiamo pensare di coinvolgere un bambino e renderlo interessato a ciò che gli stiamo dicendo se parliamo di politica? Certo che no…avviciniamo i bambini attraverso i loro interessi, stimoliamo la loro creatività e la loro immaginazione!

Confortante: Non c’è nulla di più dannoso per un bambino di un ambiente di apprendimento poco confortante e sereno. Cerchiamo di creare delle aree di serenità anche con il nostro modo di essere ed il nostro tono di voce per favorire l’apprendimento.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *