Con l’articolo di questa settimana inizieremo a muovere i primi passi all’interno del mondo dello sport per i bambini: In questo breve video e in questa breve intervista troviamo le basi per una cultura sportiva infantile.


Il video lo trovate qui
http://www.deabyday.tv/genitori-e-bambini/divertimenti/video/343/Bambini-e-sport—consigli–la-cultura-sportiva.html
mentre ecco qui la breve intervista che riprende a parole il significato del video:

A domanda… risposta

È importante che un bambino si dedichi a un’attività sportiva?
Sì, perché, soprattutto nell’età evolutiva, lo sport migliora le condizioni psicofisiche globali, contribuisce all’igiene muscolare, induce a un comportamento più appropriato, rispettoso delle regole, e abitua il bambino a dedicarsi a una pratica regolare.

Si riscontrano benefici a ogni età?
Sì. Nella giovanissima età, in particolare, lo sport aiuta a sviluppare correttamente le capacità di coordinamento e di movimento, la mobilità articolare, la forza e la resistenza. L’attività fisica favorisce, inoltre, il metabolismo osseo e quello energetico.

Lo sport è adatto a tutti i bambini?
Una corretta attività sportiva, nei modi e nei tempi, conduce a uno sviluppo armonico dell’apparato muscolare e scheletrico e contribuisce al controllo del peso corporeo. Inoltre, dato che la nostra vita è oramai molto sedentaria, l’attività fisica rimane una delle poche occasioni per un corretto esercizio fisico.

Cosa insegniamo ai bambini iscrivendoli a un’attività sportiva?
I genitori che abituano i bambini a una corretta attività sportiva pongono le basi per un giusto stile di vita nel presente e nel futuro che, insieme a una corretta alimentazione, contribuisce alla prevenzione di molte patologie.

Si sa che l’obesità infantile è in aumento nel nostro Paese; che ruolo ha lo sport in questo caso?
Una corretta attività sportiva, unita a una sana alimentazione, è in grado di prevenire e di curare l’obesità.

Oltre ai vantaggi per lo sviluppo fisico, quali altri aspetti vengono migliorati?
L’attività sportiva favorisce lo sviluppo delle capacità di socializzazione al di fuori della scuola. Inoltre, sono dimostrati benefici a livello psicologico ed emotivo. Chi pratica uno sport impara a controllare la propria emotività, ad adattarsi, a tollerare meglio le frustrazioni e a migliorare l’autostima.

Ma non toglie tempo alla scuola?
Al contrario, è stato dimostrato come chi pratica sport ha maggiori capacità di apprendimento.

È giusto avviare un bambino a uno sport specifico?
Nei primi anni, qualsiasi attività si scelga, il bambino svolgerà un tipo di allenamento che fornirà le basi per qualsiasi tipo di sport. Infatti, all’inizio, ogni allenatore o educatore preparerà degli esercizi atti a sviluppare la destrezza, l’agilità e la mobilità articolare.

Da quale età lo sport inizierà ad avere rilevanza agonistica?
Dopo i 9 – 10 anni di età, l’attività sportiva inizierà ad assumere i connotati di uno sport più specifico, eventualmente finalizzato all’agonismo.

Possiamo sempre ritenerci tranquilli dal punto di vista dello stato di salute?
I bambini devono praticare sport in sicurezza, quindi è opportuno sottoporli a regolari controlli medici. Quando si è ancora piccoli e non si svolge un’attività agonistica specifica, è sufficiente ricorrere al pediatra di libera scelta. Quando si inizia a praticare uno sport agonistico invece bisogna rivolgersi a medici specialistici in medicina dello sport. In molte regioni, questa visita specialistica è gratuita per i ragazzi ed è sufficiente rivolgersi a un centro convenzionato.

Un’ultima raccomandazione?
Lasciate che sia il bambino a scegliere l’attività che preferisce.

 

*Video ed intervista sono stati presi dal sito: http://www.deabyday.tv/homepage.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *